GIUSEPPE DI BELLA > RASSEGNE STAMPA > Rassegna Stampa MDB 2008 >Il lato oscuro dell'Oncologia
 
 
Il lato oscuro dell'Oncologia
 
Una analisi attenta, ed una ulteriore conferma, dei "Pericoli" e dei "Costi" collegati alla Chemioterapia.
 
 
Data inserimento: 29/05/2008
Autori della pubblicazione: Marcello Pamio
Numero/Data della Pubblicazione: 24/05/2008
Anno: 2008
Pubblicazione: Varie
 
 
 

l'Istituto Superiore di Sanità italiano ha fatto stampare un fascicolo dal titolo "Esposizione professionale a chemioterapici antiblastici" per tutti gli addetti ai lavori, cioè per coloro che (solamente!) maneggiano fisicamente le fiale per la chemio (di solito infermieri professionali e/o medici). Fiale che andranno poi iniettate ai malati!
Alla voce Antraciclinici (uno dei chemioterapici usati) c'è scritto: "stomatite, alopecia e disturbi gastrointestinali sono comuni ma reversibili. La cardiomiopatia, un effetto collaterale caratteristico di questa classe di chemioterapici, può essere acuta (raramente grave) o cronica (mortalità del 50% dei casi). Tutti gli antraciclinici sono potenzialmente mutageni e cancerogeni".

Alla voce Procarbazina (un altro dei chemioterapici usati) c'è scritto: "E' cancerogena, mutagena e teratogena (malformazione nei feti) e il suo impiego è associato a un rischio del 5-10% di leucemia acuta, che aumenta per i soggetti trattati anche con terapia radiante".
L'amara conclusione, che si evince dall'Istituto Superiore di Sanità, è che la l'oncologia moderna per curare il cancro, utilizza delle sostanze chimiche che sono cancerogene.



Clicca questo link per visualizzare in maniera completa il Documento



 
Documento: Documento