GIUSEPPE DI BELLA > PRINCIPI ATTIVI > Betacarotene > Cancro dello stomaco e lesioni premaligne in gastrite atrofica: sperimentazione controllata sull’effetto di una somministrazione supplementare di alfa-tocoferolo e beta-carotene.

 
Cancro dello stomaco e lesioni premaligne in gastrite atrofica: sperimentazione controllata sull’effetto di una somministrazione supplementare di alfa-tocoferolo e beta-carotene. di Varis K, Taylor PR, Sipponen P, Samloff IM, Heinonen OP, Albanes D, Harkonen M, huttunene JK, Lazen F, Virtamo J.
 
 
Data: 19/05/2003
Tipologia: MDB - Documentazione
Lingua: Inglese
Pubblicazione: Scandinavian Journal of Gastroenterology.
Anno: 1998
Fonte: Scandinavian Journal of Gastroenterology. 33(3):294-300, 1998 Mar.
 
 
Descrizione:

BACKGROUND. La vitamina E e il beta-carotene possono diminuire il rischio di cancro dello stomaco sia negli esseri umani sia negli animali di laboratorio. Abbiamo studiato gli effetti di un supplemento nella dieta di alfa-tocoferolo e beta-carotene sulla prevalenza, alla fine della sperimentazione, di lesioni premaligne e maligne dello stomaco in uomini anziani con gastrite atrofica.


METODI. Lo studio fu condotto all’interno dello Studio di Prevenzione del Cancro con Alfa-tocoferolo e Beta-carotene (studio ATBC) in Finlandia, nel quale 29,133 fumatori maschi di età dai 50 ai 69 anni furono scelti a caso per ricevere giornalmente 50 mg di alfa-tocoferolo, 20 mg di beta-carotene, entrambi questi agenti o placebo, per 5-8 anni. Il pepsinogeno del siero fu misurato all’inizio e dopo tre anni di somministrazione supplementare, gli uomini presentavano gastrite atrofica. Un livello basso di pepsinogeno I nel siero, che indicava gastrite atrofica in una porzione dello stomaco, fu riscontrato in 2132 uomini. Questi uomini furono invitati ad effettuare un’endoscopia gastrointestinale (gastroscopia), che fu effettuata su 1344 soggetti dopo un periodo medio di somministrazione supplementare di 5.1 anni.


RISULTATI. Le alterazioni neoplastiche furono riscontrate in 63 degli uomini (4.7%): 42 con displasia di basso grado (displasia moderata), 7 con displasia di alto grado (displasia grave ), 11 con carcinomi (dei quali 7 erano insorti da poco) e 3 con tumori carcinoide. Né la somministrazione supplementare di alfa-tocoferolo (rischio relativo, 0.98; 95% intervallo di attendibilità/sicurezza, 0.57-1.69) né quella di beta-carotene (rischio relativo, 1.13; 95% intervallo di attendibilità/sicurezza, 0.65-1.95) ebbero alcuna associazione con la prevalenza, alla fine della sperimentazione, di neoplasie gastriche. L’effetto no fu modificato dal livello di base del siero o dall’assunzione di vitamina, dalla prevalenza di infezione Elicobatterica del piloro, o da altre covarianti.


CONCLUSIONI. Possiamo allora concludere che una somministrazione supplementare di alfa-tocoferolo o beta-carotene per 5 anni no ebbe alcun impatto principale sull’occorrenza di cambiamenti neoplastici dello stomaco in fumatori uomini con gastrite atrofica.


 

 
 
 

BACKGROUND. La vitamina E e il beta-carotene possono diminuire il rischio di cancro dello stomaco sia negli esseri umani sia negli animali di laboratorio. Abbiamo studiato gli effetti di un supplemento nella dieta di alfa-tocoferolo e beta-carotene sulla prevalenza, alla fine della sperimentazione, di lesioni premaligne e maligne dello stomaco in uomini anziani con gastrite atrofica.


METODI. Lo studio fu condotto all’interno dello Studio di Prevenzione del Cancro con Alfa-tocoferolo e Beta-carotene (studio ATBC) in Finlandia, nel quale 29,133 fumatori maschi di età dai 50 ai 69 anni furono scelti a caso per ricevere giornalmente 50 mg di alfa-tocoferolo, 20 mg di beta-carotene, entrambi questi agenti o placebo, per 5-8 anni. Il pepsinogeno del siero fu misurato all’inizio e dopo tre anni di somministrazione supplementare, gli uomini presentavano gastrite atrofica. Un livello basso di pepsinogeno I nel siero, che indicava gastrite atrofica in una porzione dello stomaco, fu riscontrato in 2132 uomini. Questi uomini furono invitati ad effettuare un’endoscopia gastrointestinale (gastroscopia), che fu effettuata su 1344 soggetti dopo un periodo medio di somministrazione supplementare di 5.1 anni.


RISULTATI. Le alterazioni neoplastiche furono riscontrate in 63 degli uomini (4.7%): 42 con displasia di basso grado (displasia moderata), 7 con displasia di alto grado (displasia grave ), 11 con carcinomi (dei quali 7 erano insorti da poco) e 3 con tumori carcinoide. Né la somministrazione supplementare di alfa-tocoferolo (rischio relativo, 0.98; 95% intervallo di attendibilità/sicurezza, 0.57-1.69) né quella di beta-carotene (rischio relativo, 1.13; 95% intervallo di attendibilità/sicurezza, 0.65-1.95) ebbero alcuna associazione con la prevalenza, alla fine della sperimentazione, di neoplasie gastriche. L’effetto no fu modificato dal livello di base del siero o dall’assunzione di vitamina, dalla prevalenza di infezione Elicobatterica del piloro, o da altre covarianti.


CONCLUSIONI. Possiamo allora concludere che una somministrazione supplementare di alfa-tocoferolo o beta-carotene per 5 anni no ebbe alcun impatto principale sull’occorrenza di cambiamenti neoplastici dello stomaco in fumatori uomini con gastrite atrofica.


 

 
 
 

 

Stampa