GIUSEPPE DI BELLA > PRINCIPI ATTIVI > Betacarotene > L’esposizione al fumo del tabacco è associata a livelli più bassi di beta-carotene nel plasma fra le donne non fumatrici sposate con fumatori.

 
L’esposizione al fumo del tabacco è associata a livelli più bassi di beta-carotene nel plasma fra le donne non fumatrici sposate con fumatori. di Farchi S, Forastiere F, Pistelli R, Baldacci S, Simoni M, Perucci CA, Viegi G; Per conto del gruppo
 
 
Data: 21/05/2003
Tipologia: MDB - Documentazione
Lingua: Inglese
Pubblicazione: Cancer Epidemiology Biomarkers & Prevention
Anno: 2001
Fonte: Cancer Epidemiol Biomarkers Prev 10(8):907-9.
 
 
Descrizione:
Abbiamo studiato l'associazione fra esposizione al fumo di tabacco (ETS) di mariti che fumano ed i livelli nel plasma delle vitamine antiossidanti fra donne non fumatrici. Un totale di 1249 donne da quattro zone d’Italia ha risposto ad un questionario, indicando la loro dieta su un questionario di frequenza degli alimenti, sono state sottoposte ad un esame medico e ad un prelievo del sangue per misurare l'alfa ed il beta-carotene, il retinolo, l'acido L- ascorbico, l’alfa-tocoferolo e il lycopene. La nicotina nelle urine è stata utilizzata per valutare il livello d’esposizione recente al ETS. Dopo gli aggiustamenti per centro di studio, età e formazione, non abbiamo trovato alcuna associazione fra esposizione al ETS e l’assunzione quotidiana di beta-carotene, retinolo, acido L- ascorbico e alfa-tocoferolo. Tuttavia, abbiamo scoperto un rapporto inverso di risposta alla dose fra intensità del fumo del marito e concentrazioni di beta-carotene e acido L- ascorbico nel plasma. Le associazioni erano valide anche dopo il controllo dell’assunzione quotidiana di vitamina C e beta-carotene ed altri elementi di potenziale confusione (supplementi di vitamina, consumo d'alcool ed indice della massa corporea). Inoltre, quando la nicotina nelle urine è stata considerata come variabile d’esposizione, è stata scoperta una significativa associazione inversa con il beta-carotene nel plasma. I risultati possono essere interessanti per spiegare il meccanismo biologico che collega l'esposizione al ETS al cancro polmonare e alle malattie cardiache ischemiche
 
 
 

Abbiamo studiato l'associazione fra esposizione al fumo di tabacco (ETS) di mariti che fumano ed i livelli nel plasma delle vitamine antiossidanti fra donne non fumatrici. Un totale di 1249 donne da quattro zone d’Italia ha risposto ad un questionario, indicando la loro dieta su un questionario di frequenza degli alimenti, sono state sottoposte ad un esame medico e ad un prelievo del sangue per misurare l'alfa ed il beta-carotene, il retinolo, l'acido L- ascorbico, l’alfa-tocoferolo e il lycopene. La nicotina nelle urine è stata utilizzata per valutare il livello d’esposizione recente al ETS. Dopo gli aggiustamenti per centro di studio, età e formazione, non abbiamo trovato alcuna associazione fra esposizione al ETS e l’assunzione quotidiana di beta-carotene, retinolo, acido L- ascorbico e alfa-tocoferolo. Tuttavia, abbiamo scoperto un rapporto inverso di risposta alla dose fra intensità del fumo del marito e concentrazioni di beta-carotene e acido L- ascorbico nel plasma. Le associazioni erano valide anche dopo il controllo dell’assunzione quotidiana di vitamina C e beta-carotene ed altri elementi di potenziale confusione (supplementi di vitamina, consumo d'alcool ed indice della massa corporea). Inoltre, quando la nicotina nelle urine è stata considerata come variabile d’esposizione, è stata scoperta una significativa associazione inversa con il beta-carotene nel plasma. I risultati possono essere interessanti per spiegare il meccanismo biologico che collega l'esposizione al ETS al cancro polmonare e alle malattie cardiache ischemiche

 
 
 

 

Stampa