GIUSEPPE DI BELLA > PRINCIPI ATTIVI > Betacarotene > Carotenoidi, antiossidanti e rischio di cancro ovarico nelle donne in pre- e post menopausa.

 
Carotenoidi, antiossidanti e rischio di cancro ovarico nelle donne in pre- e post menopausa. di Cramer DW, Kuper H, Harlow BL, Titus-Ernstoff L.
 
 
Data: 21/05/2003
Tipologia: MDB - Documentazione
Lingua: Inglese
Pubblicazione: Int J Cancer
Anno: 2001
Fonte: Int J Cancer 94(1):128-34.
 
 
Descrizione:
Obstetrics and Gynecology Epidemiology Center, Brigham and Women's Hospital, 221 Longwood Avenue, Boston, MA 02115, USA. dcramer@partners.org
 
 
 

Un'associazione inversa fra rischio di cancro ovarico, carotenoidi e vitamine antiossidanti è stata suggerita da numerosi studi epidemiologici e da una sperimentazione di un analogo della vitamina A. Da uno studio basato sulla popolazione di 549 casi di cancro ovarico e di 516 controlli, abbiamo stimato il consumo delle vitamine antiossidanti A, C, D ed E e vari carotenoidi, incluso l'alfa ed il beta-carotene ed il lycopene, usando un questionario dietetico convalidato. La regressione logistica a più variabili è stata usata per calcolare i rapporti di probabilità dell’esposizione adeguati ai noti fattori di rischio di cancro ovarico. L’assunzione di carotene, soprattutto di alfa-carotene, mediante il cibo o integratori è stata inversamente associata in maniera significativa con il rischio di cancro ovarico, soprattutto nelle donne in post-menopausa. L’assunzione di lycopene è stata inversamente associata in maniera significativa con il rischio di cancro ovarico, soprattutto nelle donne in pre-menopausa. Gli alimenti legati maggiormente ad una diminuzione del rischio di cancro ovarico erano le carote crude e la salsa di pomodori. Il consumo di frutta, verdura e alimenti ad alto contenuto di carotene e lycopene può ridurre il rischio di cancro ovarico.

 
 
 

 

Stampa